8/marzo/2020: SCI Test: Tre giorni a Cortina al tempo del Coronavirus

Per rispondere direttamente e con cognizioni di causa ai nostri lettori, ci siamo recati a Cortina, nell’area del Dolomiti Superski, dal 3 al 6 marzo,per verificare di persona l’agibilità del comprensorio sciistico in termini di impianti,piste,rifugi in quota e collegamenti con skibus .

Pur arrivando nel comprensorio Ampezzano dopo una copiosa nevicata (oltre 80 cm di neve fresca) già alle nove del mattino la maggior parte degli impianti e delle piste era agibile e messa in sicurezza. Nel giro di un paio d’ore, anche gli impianti e le piste maggiormente interessate alla nevicata e quindi potenzialmente pericolose a causa di possibili valanghe sono stati aperti e resi agibili.

Nei tre giorni di permanenza nel comprensorio del Dolomiti Superski abbiamo sciato in tutta sicurezza con piste battute e neve polverosa.

Situazione quindi del tutto normale come ci si attende da una vacanza invernale in montagna.

Uniche precauzioni messe in atto, il parziale riempimento di funivie e telecabine ad evitare troppa vicinanza fra le persone.

I ristoranti in quota tutti aperti adottando la precauzione di disporre i clienti più distanti fra loro rispetto all’usuale.

Quindi tre giorni nei quali abbiamo sciato divertendoci sulle piste del Dolomiti Superski senza problemi e con grande soddisfazione.

Un invito quindi a tutti i nostri lettori ad approfittare di questo mese di marzo per fare ottime sciate con l’avvertenza di evitare luoghi chiusi affollati ed attenersi alle regole imposte dal coronavirus per evitare possibili contagi.

Valentino Betti

Nessun commento

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.