NEWS

16/gennaio/2018: Plan de Corones: COPPA DEL MONDO DI SCI 2018

La pista „ERTA“, un nome che è tutto un programma

Teatro dell’evento sarà la pista “ERTA”, una delle „Black Five“ di Plan de Corones, che da Piz de Plaies scende direttamente a San Vigilio di Marebbe, paesino ladino in Val Badia e che ha la elevata pendenza come caratteristica principale, cosa che le è valso il nome “ERTA” appunto. Su questa pista si allenano da anni anche i fratelli Mölgg, Manuela e Manfred, Marebbani doc e protagonisti di Coppa del Mondo da oramai molti anni, nonché testimonials di Plan de Corones.

In quanto a dati tecnici, la “ERTA” non ha nulla da invidiare ad altre piste analoghe, con la partenza a quota 1.605 m in località Piz de Plaies, servita dalla omonima cabinovia ad agganciamento automatico. Il traguardo è situato a quota 1.200 m in corrispondenza con la pista Pedagà, aperta al pubblico, per un dislivello totale di 405 m ed uno sviluppo di 1.325 m. Fanno impressione i numeri relativi alla pendenza, con un 32% di media, 22% di minima e 61% di pendenza massima in corrispondenza del muro chiamato „Gran Para“ nella parte centrale della pista. Sulla „ERTA“ realizzata nel 2003 per volontà di Erich Kastlunger, pioniere del turismo invernale a Plan de Corones, sono state disputate alcune edizioni della Coppa Europa maschile, sia in GS che in SL, che hanno visto come vincitori tra gli altri Marcel Hirscher (AUT), Marcus Sandell (FIN), Alexander Ploner (ITA), Florian Eisath (ITA), Kalle Palander (FIN).

 

Plan de Corones: da „Mecca“ dello sci al grande circo bianco

Non è certo da oggi che l’area sciistica di Plan de Corones, che fa anche parte del comprensorio Dolomiti Superski, si colloca tra le realtà più importanti in Italia come destinazione per la vacanza sciistica. La „montagna sciistica nr. 1 in Alto Adige“ vanta 116 km di piste su tre versanti del famoso „panettone“ verso Brunico (15.000 abitanti), Valdaora (3.000 abitanti) e San Vigilio di Marebbe (3.000 abitanti), con 32 modernissimi impianti di risalita, per la maggior parte cabinovie. Punta di diamante è il collegamento diretto tra la ferrovia della Val Pusteria e la cabinovia „Ried“ a Perca, che permette l’accesso alla zona sciistica senza l’uso della macchina. A gennaio, la zona sciistica di Plan de Corones è frequentata da 12.000-15.000 sciatori al giorno, con punte di 25.000 unità al giorno in altissima stagione e il pubblico è internazionale a livello mondiale. È uno degli obiettivi del Comitato Organizzatore portare un gran numero di sciatori a vedere la gara di Coppa del Mondo sulla „ERTA“, proponendo skipass settimanali con grafica dedicata e che danno accesso prioritario alle tribune in zona arrivo. Inoltre, ci si aspetta la nutrita presenza di spettatori locali, tradizionalmente grandi appassionati di sci. In cima al Plan de Corones, a quota 2.275 m si trova il nuovissimo Messner Mountain Museum MMM, struttura ultramoderna realizzata dall’archistar Zaha Hadid, scomparsa di recente e gestito come museo della storia dell’alpinismo classico da Reinhold Messner, il „Re degli Ottomila“. Accanto al museo MMM sorge anche la „Concordia 2000“, enorme campana della pace di ben 16 tonnellate, realizzata in occasione del „Millennio“ nel 2002 quale simbolo di fratellanza e di collaborazione tra le culture che si concretizza appunto a Plan de Corones, dove vivono in armonia popolazioni di lingua ladina, tedesca e italiana.

 

19/dicembre/2017: Dolomiti Superski : Molte le novità per la stagione 2017/2018

Tutto ciò che c’è di nuovo in termini di impianti di risalita, piste, innevamento programmato, attrazioni in quota, La qualità del servizio offerto alla clientela è da sempre il punto più importante nella filosofia aziendale delle società consorziate nel Dolomiti Superski e di conseguenza l’attività durante i mesi estivi è focalizzata sul costante ammodernamento delle infrastrutture e sullo studio di nuove proposte per quanto riguarda gli skipass, le promozioni e la possibilità di scelta tra varie tipologie di skipass. In termini di infrastruttura, l’attenzione è rivolta soprattutto verso gli impianti di risalita, le piste e i sistemi di innevamento programmato, per aumentarne la sicurezza, il comfort, nonché l’efficienza dei servizi. Di conseguenza, non si persegue il fine di realizzare nuove aree sciistiche, ma di ottimizzare le esistenti, migliorarne i collegamenti e curarne i particolari, come la preparazione quotidiana delle piste con oltre 320 gatti delle nevi, finalizzata a garantire condizioni perfette a sciatori e snowboarder.

Anche durante l’estate 2017 si è investito nel rinnovamento e nella sostituzione di impianti di risalita obsoleti, nella realizzazione di nuove piste in zone sciistiche già esistenti, nell’ottimizzazione dei collegamenti tra zone sciistiche e nel potenziamento dei sistemi di innevamento programmato, sempre più importanti per poter garantire la sciabilità anche di fronte a condizioni atmosferiche avverse.

Anche in vista della stagione invernale 2017/18 sono stati sostituiti o revisionati completamente diversi impianti di risalita che hanno raggiunto il “limite di età” con impianti moderni, espressione dello stato dell’arte tecnologico, onde garantire il comfort, la sicurezza e la rapidità del servizio.

È il caso delle zone sciistiche di Cortina d’Ampezzo, Plan de Corones, Alta Badia, Val Gardena, Val di Fassa e Arabba. In tutte le 12 valli del comprensorio sciistico si è intervenuto sui sistemi di innevamento programmato, confermando ancora una volta il grande impegno da parte delle società consorziate nel Dolomiti Superski a soddisfare le aspettative e le esigenze degli sciatori e ad aumentare la garanzia di sciabilità sulle piste.

In totale, il volume degli investimenti per la stagione invernale 2017/18 è di circa 70 milioni di Euro, di cui 12 milioni per l’innevamento programmato. CORTINA D’AMPEZZO Cortina d’Ampezzo Allargamento Pista Faloria nel tratto A (tra il rifugio Faloria e Pian Girilada).

Aumento di superficie di 1500 m2 Nuova pista Scoiattolo (asservita dalla seggiovia Bigontina): lunghezza: 905 m, dislivello: 238 m, pendenza media del 27%, pendenza massima del 55%, classificazione: nera PLAN DE CORONES San Vigilio di Marebbe

Potenziamento impianto di innevamento e WiFi nelle cabine della cabinovia Miara

Ampliamento della pista Erta nella parte centrale Valdaora Potenziamento e miglioramento dell’impianto di innevamento Brunico Sostituzione della seggiovia 4 p. Sole con una segg. a.a. 6 posti sulla stessa linea (p/h iniziale 2200 – finale 2600)

Potenziamento impianto di innevamento Lavori di modellamento del terreno per lo snowpark Belvedere al fine di poterlo aprire ad inizio stagione, in quanto necessiterà di una quantità ridotta di neve, rispetto al passato. Rinnovo stazione a monte della funivia Kronplatz Spa: PMOA: “Photo Mountain Art” (una mostra/installazione moderna e multimediale di fotografia alpina con sala conferenze per 200 persone e gastronomia di alto livello). Inizio lavori primavera 2017 e inaugurazione a dicembre 2018.

ALTA BADIA San Cassiano Sostituzione della segg. Biok con una segg. a.a. 6 posti (p/h 2.800) Pista Piz Sorega B: allargamento tratto iniziale Pista La Brancia: allargamento tratto finale Ristrutturazione e potenziamento innevamento Skicarosello in varie zone Colfosco Pista Frara: costruzione di un ponte di sottopasso alla SS.243 del Passo Gardena VAL GARDENA/ALPE DI SIUSI

Val Gardena Sostituzione segg. Piz Seteur con una cabinovia a.a. 10 posti su due tronchi che arriva 200 metri sopra l’omonimo rifugio. La cabinovia avrà un look avveniristico con le tre stazioni disegnate da Perathoner Architects e le 80 cabine con i sedili riscaldabili create da Pininfarina,. Impianto dalla portata oraria più alta mai realizzato in Italia (3.500 p/h). L’impianto verrà aperto anche d’estate e asservirà dal 2018 un proprio bikepark.

Potenziamento impianto di innevamento press seggiovia Sasso Levante al Passo Sella. Seggiovia Sasso Levante: aumento portata oraria da 2.200 a 2.600 persone/ora.

Allargamento e sistemazione della pista Col Raiser con potenziamento dell’impianto di innevamento. Realizzazione di un bacino di raccolta idrica sotterraneo dalla capienza di 5.000 m3 per l’innevamento programmato a Seceda

Sostituzione della sciovia Furdenan a Ortisei con una nuova sciovia più lunga di 100 m rispetto a quella esistente.

Restyling del parco seggiole della seggiovia Costabella a Selva Alpe di Siusi Potenziamento dell’impianto di innevamento presso la seggiovia Spitzbühl VAL DI FASSA/CAREZZA

Col Rodella Potenziamento del sistema di innevamento Belvedere Potenziamento del sistema di innevamento Ciampedie

Sostituzione delle seggiovie Vajolet 1 e Vajolet 2. Attualmente sono die seggiovie biposto Leitner del 1986, che verranno sostituite con due seggiovie 4 posto agganciamento automatico carenate. I nuovi impianti seguiranno le stesse linee delle seggiovie attuali. La sostituzione avviene mediante riposizionamento di 2 seggiovie che sono dismesse in altre zone del DolomitiSuperski. La Vajolet 1 avrà una portata di 1500 p/h, la Vajolet 2 una portata di 1800 p/h Modifica della parte terminale della Pista Vajolet 2 per consentire il corretto posizionamento della stazione di arrivo della seggiovia Vajolet 1 e il corretto flusso degli sciatori. NB: con le nuove seggiovie sarà possibile anche in inverno la salita senza sci da Pera di Fassa, dove attualmente in inverno si può salire solo con gli sci ai piedi.

Potenziamento dell’impianto di innevamento in generale ed in particolare sulla pista Vajolet 2 Buffaure Ultimazione lavori di allargamento della pista di rientro “Panorama” Migliorie alla pista Valvacin ed innesto alla pista di rientro Migliorie all’impianto di innevamento Ciampac Sostituzione della fun. “Alba – Ciampac” con una nuova cabinovia a dieci posti ad alta tecnologia Sostituzione della segg. fissa “Roseal” con una seggiovia quadriposto ad agg. Aut. Accorciamento della seggiovia quadriposto ad agg. Aut. “Ciampac. – Sella Brunech” all’altezza della attuale stazione intermedia.

ARABBA/MARMOLADA Arabba Nuova telecabina agg. aut. “Fodom” a 10 posti sostituisce esistente seggiovia (p/h 2.800) Pista “facile” dall’arrivo della nuova cab. Portados alla partenza della Segg. Carpazza denominata “Sellaronda” (tracciato della vecchia pista Alpenrose Alta)

Allargamento pista nr. 13 (raccordo Ornella Sourasas) con rifacimento dell’impianto di innevamento Marmolada Marmolada: due ascensori da 40 persone cadauno per accedere dalla funivia alla pista TRE CIME DOLOMITI Tre Cime Dolomiti

Sostituzione della sciovia Trenker a Dobbiaco con una sciovia dello stesso tipo

Adeguamento della pista di competenza della sciovia Trenker Migliorie dell’impianto di innevamento in tutta la zona sciistica VAL DI FIEMME/OBEREGGEN Val di Fiemme

Migliorie dell’impianto di innevamento in tutta la zona sciistica Obereggen Migliorie dell’impianto di innevamento in tutta la zona sciistica S. MARTINO DI CASTROZZA/ PASSO ROLLE San Martino di Castrozza Migliorie dell’impianto di innevamento in tutta la zona sciistica

VALLE ISARCO Maranza Nuova pista per slittini a Maranza ALPE LUSIA/SAN PELLEGRINO Alpe Lusia Migliorie dell’impianto di innevamento in tutta la zona sciistica San Pellegrino

Completamento della parte iniziale della pista Volata a Col Margherita Migliorie dell’impianto di innevamento in tutta la zona sciistica CIVETTA Alleghe/Zoldo/Selva di Cadore

Miglioramento e potenziamento dell’impianto di innevamento su numerose piste nelle sottozona di Selva di Cadore, Zoldo e Alleghe.

17/dicembre/2017: Caraibi, in vendita spiaggia di Union Island per 600 Bitcoin

È in vendita per 600 Bitcoin, circa 8,5 milioni di euro Bloody Bay Beech, spiaggia paradisiaca nella parte settentrionale di Union Island, nei Caraibi. Si tratta di un tratto di costa di 5 ettari e per aggiudicarsela il pagamento dovrà essere effettuato solo attraverso la moneta elettronica.

Chi fosse interessato si faccia avanti !!!!!

Fonte: TTG Italia

17/dicembre/2017: Voli : Curiosità – Svelato il mistero del bird strike

Perché gli uccelli danneggiano di più i motori di sinistra ????

È uno dei problemi principali del trasporto aereo e oggi ha un mistero in meno. Il cosiddettobird strike, l’incontro di un velivolo con uno stormo di uccelli, è caratterizzato statisticamente da un fenomeno che appariva inspiegabile: la ‘preferenza’ dei volatili a schiantarsi contro il motore di sinistra.

Il fenomeno, come riportato da repubblica.it, è stato certificato da uno studio, che ha analizzato gli incidenti causati dagli uccelli negli Stati Uniti dal 1990 al 2015. Riscontrando la preferenza dei volativi, appunto, per il motore sinistro.

Ad attrarre gli animali, affermano i ricercatori, sarebbero le luci rosse presenti sull’ala sinistra (mentre quelle a destra sono verdi). Il risultato potrebbe aprire la strada a nuovi interventi nell’aviazione per la prevenzione di questo tipo di incidenti, ad esempio con la modifica della tonalità di rosso delle luci di posizione.

Fonte: TTG Italia

7/dicembre/2017: Passo Pramollo Nassfeld Ski Area: Una apertura di stagione con eccezionale innevamento.

AMPIA, SPORTIVA, SORPRENDENTE: con questo slogan viene proposta questa Ski Area di oltre 110 chilometri di piste che aprirà in pieno al stagione sciistica 2017/2018 il giorno 7 dicembre.

Incredibilmente ampio e variegato, con neve sicura in senso letterale, e per quanto riguarda il panorama di montagne, senza paragoni. A Nassfeld/Pramollo, uno dei TOP 10 comprensori sciistici dell‘Austria, è lecito attendersi qualcosa in più visto che il comprensorio offre agli ospiti anche tante sorprese che porteranno allegria e sorrisi. Infatti ad ogni „angolo“ del comprensorio, attrezzato al meglio con 30 moderne seggiovie e skilift e 110 chilometri di piste, vi attendono particolari momenti mozzafiato per sciatori sportivi o più tranquilli con Snowpark, ,,The Snake”, aree Freeride o pista Ski Movie. Consultare semplicemente i pannelli informativi „Nice Surprise“ e potrete conoscere lo sport invernale in modi completamente nuovi!

Gastronomicamente si spazia con piacere tra rifugi austriaci e „ristoranti“ italiani. Inoltre, non si proverà solo il gusto della vita del sud. Per esempio nelle Alpi meridionali c’è anche tantissimo sole.

PROMOZIONI PER STAGIONI INTERMEDIE

€ 266 : Prenota 4 giorni , ne paghi solo 3. Una notte gratis!

Partite e godetevi le montagne innevate con 110 chilometri di piste – nessun desiderio è irrealizabile. Sopratutto se la sorpresa a Nassfeld è un giorno in regalo. Prenotando da domenica a giovedì, dei 4 giorni di vacanza uno è gratis.

  • 4 notti nella categoria scelta
  • TOPSKIPASS 3 giorni

PERIODI:

  • 10.12.2017 – 21.12.2017
  • 07.01.2018 – 18.01.2018
  • 18.03.2018 – 05.04.2018

Noi comunque come redazione siamo in partenza per questo comprensorio al fine di documentarvi personalmente sia sull’intera Ski Area sia per darvi maggiori indicazioni sulle piste, sugli Hotel e sui rifugi in quota più interessanti per la clientela italiana.

Valentino Betti

2/dicembre/2017: VOLI: Dicembre 2017 – Black List dei vettori I promossi e i bocciati

Nuovi ingressi e qualche fuoriuscita per la lista nera delle compagnie aeree che non possono volare nei cieli europei a causa delle scarse condizioni di sicurezza. L’Unione europea ha aggiornato la black list dei cieli, con qualche novità.

Ad oggi l’elenco conta un totale di 178 vettori, di cui la stragrande maggioranza (ovvero 172) battono bandiera di uno dei 16 Paesi le cui condizioni generali di sicurezza vengono considerate non sufficienti: tra questi, vi sono Afghanistan, Congo, Libia, Liberia, Nepal, Sudan, Sierra Leone, Eritrea e Indonesia. Le restanti 6 sono invece state valutate non idonee in base alle caratteristiche specifiche dei singoli vettori: si tratta, ad esempio, del vettore iraniano Aseman, di Iraqi Airlines (Iraq) e di MedView Airline (Nigeria).

I nuovi ingressi
Per quanto riguarda le modifiche apportate nella lista appena rilasciata dal Comitato per la sicurezza aerea dell’Ue, ad entrare nella black list è la compagnia venezuelana Avior Airlines. Ma ci sono anche due vettori che escono dalla lista nera grazie ai miglioramenti sul fronte della sicurezza: si tratta di Air Urga (Ucraina) e di Mustique Airways (Saint Vincent e Grenadine).

Ma non basta: il documento stabilisce alcune restrizioni operative per sei compagnie aeree, che potranno volare sui cieli dell’Unione europea solo con alcuni specifici tipi di aeromobili. Si tratta, per la precisione, di Afrijet e Nouvelle Air Affaires Sn2Ag (Gabon), Air Koryo (Corea), Air Service Comores (Comore), Iran Air (Iran) e Taag Angola Airlines (Angola).

Fonte: TTG Italia

29/novembre/2017: Sci: Anche in Appennino sci scia

Grazie alle abbondanti nevicate delle settimane scorse anche diverse stazioni appenniniche hanno aperto anticipatamente la stagione 2017/2018.

In particolare abbiamo provato per voi la stazione sciistica del Monte Cimone sull’Appennino Emiliano.

Abbiamo trovato un ottimo innevamento con piste ben battute e fondo delle stesse molto compatto.

Un’apertura di stagione per gli sciatori Emiliani e Toscani molto accattivante!!

Maggiori info sul sito ufficiale: CIMONE SKI

Valentino Betti

29/novembre/2017: SCI: Dolomiti Superski – Diverse stazioni aprono gli impianti

Anche diverse stazioni del Dolomiti Superski, grazie al buon innevamento, stanno aprendo gli impianti di risalita.

Collegandovi al link Dolomiti Superski riportato nella rubrica “Siti Amici” potrete aggiornarvi sulla situazione delle diverse località della mitica area sciistica.

Valentino Betti

29/novembre/2017: Carinzia: Pramollo – Nassfeld imminente apertura di stagione

Una notizia interessante per gli appassionati di sport invernali è sicuramente rappresentata dalla imminente apertura della stagione 2017/2018 del comprensorio Passo Pramollo-Nassfeld.

In considerazione delle forti nevicate delle settimane scorse infatti il comprensorio ha anticipato l’apertura di stagione a sabato 2 dicembre.

Attualmente in quota l’altezza della neve si aggira sul metro.

Il comprensorio di cui troverete le caratteristiche e le info aggiornate nel link “Siti Amici” rappresenta una destinazione di rilievo sia per gli italiani che per austriaci e sloveni.

Valentino Betti

29/novembre/2017: SCI: E’ arrivata la neve e molte stazioni sciistiche aprono la stagione

Per gli appassionati degli sport invernali quest’anno si profila una stagione lunga ed interessante.

Molte località sciistiche, sia in Italia che nel resto dell’Europa, grazie alle abbondanti nevicate dei giorni scorsi hanno aperto o stanno per aprire gli impianti di risalita.

Nel link che di seguito riportiamo, ognuno può documentarsi per verificare se e quando ogni località sciistica apre la stagione 2017/2018.

Link

www.skiinfo.it/europa/localita-sciistiche-aperte.html

Buon avvio di stagione a tutti

24/settembre/2017: Estate: un’Italia da boom sancisce la vittoria di Franceschini

Novanta milioni di presenze negli stabilimenti balneari, 48,3 milioni di arrivi e 208,7 milioni di presenze negli hotel tra giugno e settembre secondo Federalberghi, 3 milioni di arrivi e 15 milioni di presenze tra giugno e agosto rilevate da Airbnb, 53 milioni di arrivi e 160 milioni di presenze totali nel primo semestre, 9 milioni di italiani che effettueranno almeno un giorno di vacanza nel corso del mese di settembre.
“Il 2017 si appresta a rivelarsi un anno record per uno dei settori strategici dell’economia nazionale, che è doveroso accompagnare e sostenere nella sua crescita”. Mette così la firma Dario Franceschini, ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, su una delle stagioni più ricche mai registrate dal turismo italiano. La conferma arriva dalla Direzione generale turismo del Mibact e da Enit: i primi mesi dell’anno e l’estate mostrano incrementi su tutti i prodotti.
I primi segnali, dice ancora Franceschini, “sono anche positivi per quanto riguarda le politiche di destagionalizzazione”: settembre, infatti, si presenta positivo e tutto l’autunno sembra essere partito con il piede giusto.

Il mare, re della stagione
Tra giugno, luglio e agosto il mare ha fatto la parte del leone. Gli stabilimenti balneari hanno registrato una crescita del 16 per cento, secondo Cna Balneatori, un incremento dei turisti stranieri del 5 per cento e un aumento generalizzato in tutte le regioni costiere, con il primato all’Emilia Romagna (+25 per cento).

Hotel e ricettivo
Tra giugno e settembre le strutture ricettive alberghiere e extralberghiere hanno registrato un +2 per cento rispetto al 2016, secondo Federalberghi e Federturismo, mentre Airbnb rileva un aumento del 20 per cento anno su anno nel mese di agosto. Un incremento sostenuto non solo dal turismo straniero, ma anche da quello interno: nei mesi estivi sono 34 milioni gli italiani in movimento, +3,2 per cento rispetto al 2016.

Booking online
Secondo la ricerca ‘Un’estate italiana’ commissionata da Enit a Travel Appeal e realizzata in collaborazione con Amadeus Travel Intelligence, Trivago e Google Trends, nel 2017 crescono del 19,3 per cento i viaggiatori online che hanno scelto l’Italia, mentre si è rilevata una notevole crescita delle prenotazioni dei viaggi organizzati per il periodo estivo. Il 77,6 per cento degli operatori osservano un incremento rispetto all’andamento delle vendite del 2016.

Autunno in crescita
Le previsioni positive per settembre fanno inoltre intravedere una prima destagionalizzazione: aumenta del 7,2 per cento il numero dei viaggiatori rispetto al 2016.
Sono positivi anche i segnali dal mondo dei trasporti: fra gennaio e luglio i passeggeri aerei, secondo Assaeroporti, sono cresciuti del 6,8 per cento, mentre i pax ferroviari hanno fatto registrare un +3 nel primo semestre dell’anno

24/settembre/2017: La locomotiva turismo : Il settore nei dati Istat

 

È il turismo uno dei veri motori dell’economia italiana. Se già i dati diffusi dal Mibact parlavano di arrivi a +4,1% e presenze a +3,7% per l’estate e l’autunno 2017, con un saldo dei pagamenti a +5,8% nel solo primo semestre dell’anno, ora a confermare il buono stato di salute della travel industry italiana arrivano anche i dati Istat.

L’istituto di ricerca fotografa nello specifico la situazione inerente il mercato del lavoro legato al turismo.

E per il secondo trimestre 2017 i lavoratori nelle attività di servizi per alloggi e ristorazione crescono del 12,5% sullo stesso periodo 2016. L’incremento si accompagna a un giro d’affari a +6,1% sul medesimo trimestre dello scorso anno.
Fonte TTG Italia

24/settembre/2017: Miami torna operativa dopo l’uragano Irma: aperti hotel e aeroporto

Miami torna alla normalità dopo l’uragano e il Greater Miami Convention & Visitors Bureau annuncia che la città è di nuovo pronta ad accogliere eventi e congressi. Il bureau riferisce che l’aeroporto internazionale è completamente riaperto e che le compagnie aeree hanno ripreso a operare la maggior parte dei voli della loro normale programmazione.

Quasi tutti gli alberghi, si legge su Event Report, hanno subito danni minimi, e in diversi casi addirittura nessuno: molti offrono al momento tariffe speciali per recuperare mercato così come i ristoranti, la maggior parte dei quali risulta aperta e in attività. Anche il porto è ritornato alle normali operazioni, mentre alcune delle attrazioni della destinazione hanno subito l’impatto dall’uragano Irma e non sono ancora accessibili.

Il Miami Beach Convention Center, dove sono in corso lavori di ampliamento e ristrutturazione (615 milioni di dollari l’investimento), non ha subito danni esterni ed è aperto, con diversi eventi in arrivo questa settimana. Il progetto di ristrutturazione, spiega il convention bureau, è stato studiato per ridurre al massimo l’impatto degli uragani: tutti i sistemi operativi della struttura saranno infatti posizionati al secondo piano dell’edificio che, grazie alla generale posizione più elevata dell’intera area, risulterà più alto rispetto a un normale secondo piano. I lavori termineranno a settembre 2018.

Benché la maggior parte delle strutture risultino operative, il Greater Miami Convention & Visitors Bureau raccomanda comunque di verificare caso per caso.

Fonte TTG Italia

24/settembre/2017: Curiosità: in Australia il primo hotel di sabbia al mondo

Per costruirlo ci sono voluti 21 giorni e oltre 24mila kg di sabbia, ma per visitarlo c’è tempo solo fino a domani. Ha aperto due giorni fa a Kurrawa Beach, nella Gold Coast australiana, Sand Hostel, la prima struttura ricettiva di sabbia del mondo. Si tratta di una via di mezzo tra un ostello e un albergo a cinque stelle, dal momento che dispone di un dormitorio da otto posti più una suite privata di lusso. A costruirlo è stato lo scultore dei record
A progettarlo è stato Jon Dowding, il productor designer di film quali ‘Mad Max: Fury Road’, che ha sviluppato l’idea congiunta di Hostelworld e Gold Coast Tourism. A costruirlo in soli 21 giorni è stato, invece, lo scultore Dennis Massoud, conosciuto come ‘Sandman’ per la sua abilità nel modellare questo difficilissimo materiale, abilità che gli ha fatto vincere anche un campionato mondiale di sculture di sabbia in Danimarca.

Per chi non ha paura di dormire in una stanza di sabbia (i soffitti però sono di travi e pannelli in bambù intrecciato), ma preferisce non passare tutto il giorno all’interno della struttura, Sand Hostel organizza un elenco di attività che vanno dal corso per barman, alle lezioni di yoga, a quelle di surf.

Fonte: TTG Italia

20/marzo/2017: Tirolo Austriaco: nuove proposte per attirare i turisti italiani

Nuovi alberghi, parchi naturali e un ricco calendario di eventi sportivi. Queste le carte che il Tirolo ha già messo in campo campo per la  stagione estiva  in via di chiusura.

Per la summer la regione austriaca ha infatti in serbo una serie di ristrutturazioni e nuove aperture di hotel mid e upscale, oltre a un’ampia offerta di itinerari e percorsi dedicati agli amanti della natura.

Un vasto programma di appuntamenti si rivolge invece agli sportivi. A partire dalla gara di ciclismo Ötztaler Radmarathon,  proseguito poi con la novità dell’anno, il Crankworx, festival di mountain bike gravity più grande al mondo che si è svolto dal 21 al 25 giugno.

Gli eventi andranno avanti anche nei primi mesi del 2018, anno dei Campionati Mondiali di Ciclismo.

 

12/febbraio/2017: Viaggi: Maxitruffa da 125mila euro, agente di viaggi rinviato a giudizio

La vicenda era emersa la scorsa estate, ed era stata raccontata anche da TTG Italia. Ora, come riporta tribunatreviso.it, ci sarebbe stato un ulteriore sviluppo, punto con il processo atteso per il prossimo 7 aprile.

La vicenda vedeva al centro della questione un’agenzia di viaggi di Carbonera, un tour operator umbro e un’industria farmaceutica di Terni, intenzionata a prenotare una vacanza premio per 306 dipendenti. L’operatore avrebbe pattuito con l’agenzia una caparra da 125mila euro, di cui si sarebbero perse le tracce. E il viaggio sarebbe saltato.

Ora, la parola passa alla procura. Sempre secondo il sito di informazione locale, il tour operator si sarebbe costituito parte civile.

Fonte: TTG Italia

12/febbraio/2017: Novità per gli per i passaporti Usa: chi non paga le tasse non potrà viaggiare

In arrivo un’altra rivoluzione per le frontiere degli Stati Uniti. Sta per entrare in azione, infatti, una norma firmata dall’ex presidente Barack Obama nel 2015, che consente all’ufficio federale delle tasse, l’Irs, di revocare il passaporto a chi non ha pagato le tasse.

La notizia è stata ripresa da travelmole.com che riporta l’avviso (sul sito dello stesso Irs) secondo cui questa ‘certificazione’ dell’ufficio delle imposte dovrebbe entrare in funzione nei primi mesi del 2017.

Nel dettaglio, questa certificazione sarebbe inviata dall’Irs al Dipartimento di Stato per indicare coloro che non hanno adempiuto al pagamento delle imposte. Il Dipartimento di Stato, a questo punto, non rilascerebbe o rinnoverebbe il passaporto a coloro che sono stati segnalati dall’ufficio delle tasse.

Fonte: TTG Italia

12/febbraio/2017: Voli: Con17 ore e 30 minuti Qatar Airways inaugura il volo più lungo del mondo

Dopo  un volo record di 17 ore e 30 minuti e oltre 14.500 chilometri percorsi l’aereo di Qatar Airways  ha stabilito il nuovo record per l’aviazione commerciale.

Il collegamento più lungo del mondo unirà l’aeroporto di Doha con quello di Auckland utilizzando il B777 di ultima generazione, segnando anche il debutto della compagnia del Golfo in Nuova Zelanda.

Quella di Aukland è la prima nuova rotta introdotta dalla compagnia nel corso del 2017, ma nello schedule ne sono previste altre 13, 4 delle quali in Europa: Nizza, Skopje, Sarajevo e Dublino.

Fonte: TTG Italia

5/gennaio/2017: Voli per Cuba, i vettori americani fanno marcia indietro

Il protrarsi delle restrizioni di viaggio per i turisti americani Cuba impedisce ai vettori statunitensi di riempire i loro aerei e li sta costringendo a fare marcia indietro, tagliando i posti disponibili.

American Airlines ha già annunciato l’intenzione di ridurre di circa un quarto il suo programma di collegamenti per l’isola caraibica, mentre in questi giorni la compagnia aerea Silver Airways, basata in Florida, ha anticipato che diminuirà la capacità su sei delle nove tratte per gli aeroporti secondari di Cuba.

Sun Country Airlines posticipa il debutto
Un altro vettore, Sun Country Airlines, ha invece chiesto al Dipartimento dei Trasporti statunitense l’autorizzazione a posticipare il lancio delle due tratte precedentemente annunciate, ossia i voli da Minneapolis a Santa Clara e Matanzas; sarebbero dovuti iniziare a marzo prossimo, ma il vettore ha chiesto di ritardare il decollo a dicembre 2017 proprio “per il perdurare delll’embargo commerciale e dei viaggi”, come spiega Kelsey Dodson-Smith, marketing chef del vettore.

Intanto, per incentivare i flussi diverse compagnie stanno agendo sul fronte del pricing; basti pensare che JetBlue e Southwest offrono tariffe di sola andata anche sotto i 60 dollari.

Fonte TTG Italia

5/dicembre/2016: Voli: L’ultima idea di Ryanair

Negli anni passati ha stupito tutti con uscite a sensazione, boutade che hanno trasformato il ceo della compagnia aerea con la più rapida espansione in un vulcanico istrione. E ora Michael O’Leary, dopo l’idea delle toilette a pagamento oppure dei viaggi in piediattraverso appositi sostegni per aumentare il numero di passeggeri per ogni aereo, prova a rilanciare con quello che è il sogno di tutti i viaggiatori del mondo: volare gratis, biglietti aerei a costo zero.

Il teorema del manager, che vede la possibilità di tagliare questo traguardo tra cinque o la massimo dieci anni, riporta Repubblica.it, parte da un doppio presupposto, ovvero l’incremento della domanda e la trasformazione degli aeroporti in centri commerciali. O’Leary allora punterebbe a raggiungere accordi con bar, ristoranti e negozi per avere una parte dei loro ricavi grazie all’aumento dei passeggeri trasportati da Ryanair.

Il nodo tasse aeroportuali
Un percorso tutt’altro che agevole, ammette il ceo, al quale si unisce forse l’ostacolo più grosso, vale a dire le tasse aeroportuali. L’idea di ‘regalare’ i biglietti aerei potrebbe andare in porto solamente nel momento in cui i gestori cancelleranno il balzello che, rivela O’Leary, in alcuni casi arriva anche alla quota di 20 euro per passeggero.

In attesa che l’ultimo sogno del patron di Ryanair si trasformi in realtà, il rischio per il prossimo futuro è che invece di scendere, i prezzi dei biglietti possano invece risalire. Imputato numero uno per la possibile tendenza, ancora una volta la Brexit, le cui conseguenze sono ancora tutte da scrivere.

Fonte TTG Italia